Anche con InDesign, un mondo di colori

16 Marzo 2016 Luca Burei grafica

Indesign-tema-colore

Nato come puro programma di impaginazione, InDesign nel tempo è stato implementato con numerose funzioni che lo rendono creativamente all’altezza degli altri programmi della Suite Adobe, anche per quanto riguarda la gestione delle varie tavolozze cromatiche.

A partire dalla versione CS4, nella barra di InDesign è presente un pratico strumento che ci permette di selezionare, salvare o modificare tutti i colori presenti in qualunque tipo di oggetto inserito nel nostro impaginato.

Con lo strumento “Tema colore”, posizionato in basso nella barra (raggruppato con il contagocce e con lo strumento misura) possiamo estrarre da forme vettoriali, immagini collegate o incorporate e anche dall’intero layout, colori composti di 5 differenti tonalità.

A chi non ne ha mai fatto uso, in prima battuta può vagamente ricordare il “Secchiello pittura dinamica” di Illustrator; per questo è importante specificare che assolve scopi completamente diversi, non di sostituzione del colore ma di puro campionamento.

Come si usa il Tema colore di InDesign

L’uso è estremamente semplice e immediato: si seleziona l’oggetto, si attiva lo strumento e si clicca con il contagocce sull’area da campionare. I cinque colori “dominanti” nell’area prescelta compariranno immediatamente sulla barra del tema, pronti per essere salvati nel pannello campioni. Per condividere i campioni nel Cloud CC basterà invece selezionare il pulsante che compare all’estrema destra della barra, una “nuvola” stilizzata. A questo punto, il tema salvato potrà essere accessibile e fruibile da tutti i programmi della Suite Adobe, come Photoshop.

Per inserire i nuovi colori del tema in modo da rispettare l’intento del nostro lavoro, se destinato alla stampa, al web o altro, è necessario effettuare un doppio click sullo strumento, e si apre una piccola finestra di dialogo con tre opzioni:

  1. Converti come tipo documento

  2. Converti in CMYK

  3. Converti in RGB

Subito a destra dei 5 temi di colore ricavati, è presente una freccia: attivandola si aprirà una nuova finestra che offre le varianti cromatiche basate sui toni originari. Nell’ordine:

  • Colorato

  • Luminoso

  • Scuro

  • Profondo

  • Delicati

Com’è facilmente intuibile, attraverso l’uso dello strumento “Tema colore” potremo creare delle tavolozze di campioni valide per dare armonia, coerenza e stile ai nostri impaginati.

Conclusione

L’uso corretto e consapevole della cromia sta alla base della progettazione grafica. Attraverso strumenti come questo, Adobe ha notevolmente agevolato il graphic designer nella progettazione; non dimentichiamo però che è importante conoscere almeno le basi teoriche della psicologia del colore per essere certi di aggiungere valore e significato ai propri lavori. Poi, naturalmente, bisogna saper elaborare esecutivi di stampa tecnicamente idonei. Nel frattempo, comunque, divertiamoci con i colori.

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.