Ente accreditato Regione Veneto n.4271

BMW i3, la rivoluzione elettrica

Pubblicato da Luca // 31 luglio 2013 // 31 visualizzazioni

Bmw i3

Il futuro è adesso, almeno per BMW e la sua nuovissima i3. La vettura 100% elettrica è stata presentata in contemporanea a Londra, New York e Pechino; un lancio mondiale che fa capire quanto il gruppo bavarese punti sull’ecosostenibile.

Si nota subito il design ricercato che lascia intuire l’anima futurista della vettura, anche se ci sono chiari richiami alle linee più tradizionali. È alimentata da un motore elettrico da ben 170 cv e 250 Nm di coppia massima, mentre la trazione è posteriore in classico stile BMW.

Con l’intelligente disposizione delle batterie, che assicurano un’autonomia di 130 – 160 km, il bilanciamento della masse è stato ottimizzato al massimo, cosa molto importante per la stabilità e comfort di guida a tutte le velocità.
 
L’i3 è lunga 3,99 metri (ok 4), larga 1,77 e pesa solamente 1195 kg, grazie all’uso di materiali come alluminio per il telaio e un materiale composito per l’abitacolo: il CFRP, un composto sintetico rinforzato con fibra di carbonio.

Sedili con profili sottili, posizione di guida rialzata, doppio display a isola per tenere sotto controllo tutte le funzioni, selettore di marcia e start/stop sul piantone dello sterzo, portiere ad apertura contrapposta (come sulla gloriosa Mazda Rx-8) e materiali sostenibili di alta qualità come legno, lana e altre materie prime riciclate, fanno di questa macchina un’incredibile concentrato di tecnologia…con una particolare attenzione all’ambiente.

L’i3 si ricarica facilmente anche dalle prese di casa, ma BMW ha pensato anche a quei clienti che non vogliono essere mai legati ai tempi di ricarica e propone un biclindrico da 650 cc che fa da ‘generatore’ per estendere l’autonomia delle batterie. In questo caso, si sale 240 – 300 km con consumi bassissimi: 0,6 litri/100 km ed emissioni di CO2 di 13 g/km.

Sostenibilità. Sia lo stabilimento tedesco che quello americano usano energia da fonti rinnovabili: eolico e idrico, perché produrre una macchina ecologica vuol dire anche abbattere l’impatto ambientale durante il processo produttivo.

Ah, da 0 a 100 Kmh in 7,2 secondi. Mica male.

Per portarla a casa si parte dal prezzo base di 36200 euro e la disponibilità pare limitata a circa 1000 esemplari per l’Italia.

Topic: ,

Send this to a friend