Ente accreditato Regione Veneto n.4271

SEO 2013: i 5 fattori fondamentali

Pubblicato da Luca Binotto // 22 aprile 2013 // 48 visualizzazioni

SEO Wallpaper

Il SEO è morto oppure no? Ni; il SEO è mutato e chi si occupa di search engine optimization dovrebbe espandere le proprie conoscenze e adattarsi ai tempi. Per posizionare al meglio il nostro sito (o quello dei nostri clienti) dobbiamo operare anche al di fuori dell’ottimizzazione old style.

In questo post vedremo le 5 cose da fare per non restare al palo:

Attenzione ai contenuti. Ok, ormai l’espressione “Contenent is King” coniata direttamente da quelli di Google vi esce dalle orecchie. Ma io vi dirò qualcosa di diverso: sfruttare il content marketing dovrebbe essere la priorità di ogni web master; ogni web agency dovrebbe avere un copywriter per produrre testi interessanti, nuovi e SEO compatibili!

Revisionare le pagine. Anche stavolta ho scoperto l’acqua calda…ma quanti di voi hanno ancora il sito intasato di keyword inutili o di interventi SEO vecchi di anni ormai diventati spazzatura (per non parlare di qualche tecnica “black hat”)? C’è qualche motivo che vi impedisce di fare un po’ di pulizia?

Prestare più attenzione alle statistiche. Monitorare i vostri interventi è fondamentale; secondo un sondaggio promosso da SEW ben il 63% di chi lavora in ambito SEO ha migliorato questo aspetto portando un indubbio beneficio ad azienda e clienti.

Investire nel mobile. No, non intendo forniture Ikea o arredo d’antiquariato ma investire una parte del budget per creare campagne marketing specifiche per il settore smartphone/tablet. Entro il 2014 ci saranno più connessioni da dispositivi portatili che da pc fissi. Anche Google AdWords sta cambiando e sempre di più virerà verso questo settore. Volete perdere la carrozza?

Migliorare l’integrazione con i Social. I Social Network non sono una moda passeggera, di sicuro in futuro muteranno, si evolveranno ma, per ora, dovete integrarli nei vostri siti e considerarli nelle campagne marketing.

Qualche giorno fa Mark Zuckerberg ha presentato la nuova interfaccia per smartphone Android che riprende il concetto del “news feed” della versione mobile di Facebook…e cosa c’è in quella versione? Pubblicità! Quindi questo nuovo launcher prevedrà anche spot fra un aggiornamento di stato e l’altro. È vero che l’apprezzamento degli utenti per ora è bassino ma ci sono ampi margini di miglioramento. Forse è il momento di rivalutare le inserzioni a pagamento di Fb…

Topic: , ,

Send this to a friend