Ente accreditato Regione Veneto n.4271

Report dal Social Media Marketing World di San Diego

Pubblicato da Luca Binotto // 14 aprile 2014 // 25 visualizzazioni

Social media marketingL’ultima settimana di marzo si è tenuta a San Diego (California) la Social Media Marketing World 2014; la più grande conferenza riguardante il mondo del social media marketing: più di 80 esperti del settore provenienti da tutto il mondo, 2000 operatori e migliaia di idee per l’evoluzione del marketing tramite canali sociali. Ma quali sono le cose veramente importanti che sono state dette? Beh, questa conferenza non ha fatto altro che confermare quanto abbiamo scritto finora; già dal primo intervento di Michael Stelzner, fondatore di Social Media Examiner, è stato chiaro che i trend-chiave del 2014 siano quelli già discussi nel nostro blog nelle scorse settimane. Ma facciamo un recap: Creare contenuti visivi è indispensabile. Ecco la conferma (come se servisse) che immagini e video sono la chiave per aumentare, o addirittura raddoppiare, l’engagement su Facebook. E pensate a quanto sta crescendo la popolarità di Instagram…non devo aggiungere altro, vero? Sappiate che il 70% degli operatori presenti incrementerà l’uso di contenuti visuali. Parola chiave: visual strategy. Blog, blog, blog. Partiamo da una semplice equazione: più contenuti = più traffico. Già ora il 58% dei marketers ammette che i contenuti originali siano la base della loro strategia, ma ben il 68% dei restanti aumenterà l’attività di blogging nel 2014, investendo molte risorse (denaro e personale dedicato). Svolta verso Google+. Esatto, pare proprio che il social adv-free di Big G stia rinascendo. Staremo a vedere. Podcast. La popolarità dei podcast è altalenante, ora stiamo di nuovo in fase di crescita esponenziale e, da bravi operatori, dobbiamo sfruttare al meglio questa opportunità. Il dominio di Facebook. L’adv su canali sociali è nelle mani della creatura di Zuckerberg con il 90% del mercato; mi raccomando a non esagerare: un uso troppo aggressivo delle inserzioni pubblicitarie a pagamento potrebbe farvi odiare. ROI e social media. Non è facile dare ai propri clienti dati certi e, soprattutto, non potrete mostrare numeri importanti nel breve periodo. Questo non vuol dire che non possiate far capire quanto sia importante investire in questi canali e che il ritorno ci sarà, solo non immediatamente. Come vedete…tutto conferma quanto abbiamo sempre detto. Buon lavoro!

Topic:

Send this to a friend