Social media strategy: gli errori delle aziende

21 Maggio 2014 Luca Burei marketing

problemi strategiaQuali sono gli errori più gravi che le aziende fanno quando sviluppano una social media strategy? Confrontandosi quotidianamente con aziende di tutti i tipi e dimensioni, ci si rende conto che le idee sono poche e ben confuse. Di conseguenza i risultati scarseggiano e si finisce come la persona nella foto. Convinzione errata numero 1. I social media sono solo un canale di marketing. I social sono canali di comunicazione che possono essere usati per fare marketing, ma non sono solo canali promozionali. La necessità primaria è costruire una strategia per venire incontro alle esigenze degli utenti, non tartassare l’audience con messaggi pubblicitari. Il punto più importante è proprio la comunicazione: non partecipare al dialogo distruggerà qualsiasi strategia abbiate pianificato. Convinzione errata numero 2. Il ROI (ritorno d’investimento) dev’essere immediato e facilmente stimabile. Le aziende vogliono misurare la performance e il ROI praticamente sempre. Sarebbe come misurare il successo di una rock band dopo il primo accordo o il primo colpo di batteria, vi pare sensato? Ci sono dei passaggi fondamentali: creare contenuti utili, avere un’audience, creare una community, aumentare la propria autorevolezza e fiducia. Ora potete iniziare a parlare di ROI. Convinzione errata numero 3. Il reparto marketing dovrebbe essere responsabile dei social media. Questa è correlato alla convinzione errata numero 1: spesso le aziende delegano al reparto marketing tradizionale la gestione dei social media, che però non è in grado di trattare la cosa in modo adeguato. Le azioni sociali meritano del personale dedicato, pronto nelle risposte e costantemente aggiornato sul mondo internet. Convinzione errata numero 4. I Social sono gratis. L’iscrizione è gratis, ok. Ma la creazione, la pubblicazione, la risposta e la promozione sui social non è gratis. Personale formato, in grado di coinvolgere il pubblico e capace di creare messaggi incisivi, vanno pagati adeguatamente. Un budget è imperativo. Questi sono gli errori più frequenti che ho riscontato, voi ne avete altri da aggiungere alla lista?

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *