Ente accreditato Regione Veneto n.4271

Vuoi avere il miglior e-commerce del 2016?

Pubblicato da Luca // 2 dicembre 2015 // 175 visualizzazioni

previsioni-e-commerce-2016

Si intensificano i preparativi per il Natale e con essi anche la spesa online per l’acquisto di regali.

Per quanto riguarda l’Italia, ci si aspetta un giro d’affari di acquisti su piattaforme di e-commerce, ben superiore al record segnato nel Natale dell’anno scorso. Sai di quanto si tratta?

Nel nostro Paese, solo periodo natalizio 2014, sono stati eseguiti acquisti per 3 miliardi di euro che hanno coinvolto ben 10 milioni di persone. Un risultato in crescita del 28% rispetto l’anno precedente.

Lo studio “2015 Holiday Shopping Prediction”, condotto da Adobe, ha previsto che in Italia, Francia, Germania e Spagna il picco degli acquisti online si confermerà il prossimo weekend dell’Immacolato. Tuttavia, gli sconti proposti tra il Black Friday e il Cyber Monday, il tradizionale periodo degli acquisti negli Stati Uniti, ha mosso anche qui il mercato, entrando, definitivamente nelle nostre abitudini.

In definitiva, ci si aspetta che il 20% di tutta la spesa online, a livello globale, si concentri in questi ultimi giorni dell’anno.

Meglio farsi trovare pronti, soprattutto chi genera business attraverso le piattaforme e-commerce. Parlo a voi. Spero vi sia chiaro che i dati sono importanti e devono essere interpretati con anticipo per prevedere le tendenze e reagire velocemente con interventi che riescano ad essere efficaci in un mercato sempre più competitivo.

Nel caso siate alla ricerca di suggerimenti che possano aiutare il vostro business nel 2016, ecco qui una breve guida.

1. Il successo sta nella nicchia

Sono veramente pochi i rivenditori online che ottengono il successo con un’offerta molto diversificata, sull’esempio di Amazon. La maggior parte dei negozi online si dedica alla vendita di prodotti per un mercato specifico. Ecco quali saranno i mercati in crescita, il prossimo anno.

Lo sport

Per il 2016 si prevede un aumento della domanda di abbigliamento e di prodotti, in generale, dedicati allo sport e al fitness. Questo settore infatti, sta iniziando ad attirare non solo chi pratica da molto tempo sport, ma anche chi fino a questo momento non sentiva l’esigenza di possedere un abbigliamento tecnico adeguato.

Nel corso del 2015, il traffico verso i siti di abbigliamento sportivo è aumentato di circa il 38%, mentre la spesa, sempre in questi siti è aumentata di oltre l’11% (il doppio, rispetto l’anno precedente).

I bambini

Altro settore in crescita è quello dedicato ai bambini, in quanto i genitori sono sempre più propensi a garantire il meglio per i loro figli. Giochi, abbigliamento, passeggini, culle, prodotti per l’igiene e per l’uso quotidiano.

Quest’anno, solo negli Stati Uniti, il giro d’affari del settore bambino è pari a 44 miliardi di dollari, in aumento per il 2016.

L’istruzione

Altro fenomeno in crescita, per quanto riguarda l’acquisto online, è rappresentato dall’istruzione. Il bacino di utenza comprende una grande fetta di utenti, dai giovanissimi, ai ragazzi in cerca di lavoro, ai professionisti che desiderano aggiornare il proprio profilo.

Nel 2016, i siti legati al settore dell’istruzione dovrebbero superare i 50 miliardi di dollari di fatturato. Non mi riferisco solo all’acquisto di pacchetti di formazione e-learning ma anche a servizi di formazione professionale e strumenti di apprendimento.

L’arredamento

Dal 2014 le vendite di mobili online sono aumentati. Ciò è stato sicuramente aiutato dal fatto che molti siti di e-commerce di questo settore hanno iniziato a valorizzare il prodotto anche attraverso la vista a 360 gradi. Inoltre sono state agevolate le politiche di acquisto come la consegna gratuita, o la possibilità di restituire il prodotto. Nel 2016 gli ottimi risultati in termini di acquisti si prevedono in crescita.

2. Le recensioni sono indispensabili

Tutti i siti di e-commerce si assomigliano. Quello che veramente fa la differenza e determina il successo o il fallimento di una vendita, sono le recensioni. Solo la presenza di uno spazio dedicato alla recensione dei prodotti, aumenta del 60% le vendite complessive di un sito. Inoltre, la presenza di almeno 50 recensioni, possano aumentare di oltre il 4% le vendite di un singolo prodotto. Le recensioni sono il vero ago della bilancia e non bisognerebbe sottovalutarne l’importanza.

3. Curare i vecchi clienti

Ebbene si, i migliori clienti sono quelli che ritornano. Non è una grande novità, tuttavia, a volte lo si dimentica per concentrarsi sui nuovi clienti. Nel 2014, circa un terzo di tutta la spesa online è da attribuire a clienti di ritorno (parliamo di quasi 370 milioni di euro di fatturato). Anche nei negozi online, la fedeltà ha un valore e quindi non deve essere sottovalutato né il tempo da dedicare, né gli investimenti per il mantenimento dei clienti affezionati. Ricordatevi che il marketing 3.0 punta al cuore degli utenti.

Questo vale anche per gli utenti che arrivano dai social network. Instagram e YouTube, in particolare, sono due canali potenti per attrarre i visitatori nel sito e renderli felici. Il 21% degli utenti che compie ricerche online ha conosciuto un nuovo brand attraverso YouTube (Ricerca IPSOS 2015)Inoltre un utente che proviene dai social è più propenso ad approfondire l’offerta a disposizione e di conseguenza a spendere.

Topic: ,

Send this to a friend